Zark (Finale 1)

“Con il tempo la mia sofferenza svanirà. Preferisco un colpo netto e secco come questo; in questo modo non avrò incertezze che mi avrebbero arrovellato il cervello ……………………. Vedo che ora tu sei sua” riferendosi a Zark “e che lui è tuo ……………………………….. e che forse non sei mai stata veramente mia …………………………………”
Dopo una pausa di silenzio carica di momenti vissuti e da vivere Carl riprese a parlare: “Zark, so che le vorrai bene e che lei te ne vorrà a te. Solo questo è importante. Ma credo che tu lo sappia già …………………………….”
Il vampiro guardò negli occhi, dentro gli occhi, Carl. Ed in quel momento decise.
“Susan” disse tendendole la mano “è ora di andare.”
Lei gli porse la mano, si alzò dal letto e lo seguì.
Non avvisò nessuno, nemmeno i suoi genitori. Scomparve nella notte. Una notte carica di emozioni e sensazioni. E fu del vampiro. E lui della ragazza.

Ed entrambi del destino.