L’ultimo bacio

Ho bisogno che ogni giorno succeda qualcosa di nuovo, per sentire che la mia vita va avanti. (Adriano) More »

Jim Morrison

“Smetterò di amarti solo quando un pittore sordo riuscirà a dipingere il rumore di un petalo di rosa cadere su un pavimento di cristallo di un castello mai esistito.” “Alcuni dicono che la pioggia è brutta, ma non sanno che permette di girare a testa alta con il viso coperto dalle lacrime.” More »

Niente è come sembra

Nulla è come appare. Noi non siamo in grado di vedere niente così com’è, tutto viene filtrato dallo specchio deformante della nostra coscienza. Tutto ciò che vediamo è il riflesso della nostra coscienza. È molto importante comprendere questo concetto. Il mondo che vediamo è sempre e solo una proiezione della nostra coscienza. Gabriella d’Albertas More »

Dedicato a…

… chi mi ha voluto bene … chi mi vuole ancora bene … chi voglio bene senza limiti di tempo senza limiti di spazio More »

La differenza

Che differenza c’è tra poesia e prosa? La poesia dice troppo in pochissimo tempo, la prosa dice poco e ci mette un bel po’. Charles Bukowski More »

Calcio

Il calcio è l’ultima rappresentazione sacra del nostro tempo. Pier Paolo Pasolini More »

Ciao mondo!

Non abbiamo bisogno dell’ingegneria genetica per ottenere raccolti ricchi di nutrienti: l’amaranto ha nove volte più calcio del grano e 10 volte più calcio del riso. Il suo contenuto di ferro è quattro volte quello del riso, e ha due volte in più di proteine. Il miglio finger fornisce 35 volte più calcio del riso, More »

Ciao a tutti!

Ciao a tutti! Ecco il mio nuovo sito web! More »

 

Un viaggio lungo una vita

treno

Era una normale sera d’estate, di quelle che potrebbero passare inosservate, di quelle che poi non ci si ricorda più nulla, che non ti accorgi nemmeno.

John era uscito dal lavoro alla solita ora ma aveva deciso che, prima di tornare a casa, sarebbe passato a salutare un vecchio amico d’infanzia. Non lo aveva mai fatto, gli aveva sempre telefonato, ma quella sera, chissà perché …………………………………

John rimase dal suo amico fino quasi all’ora di cena, ricordando i bei vecchi tempi, che non sarebbero più tornati e che comunque ti davano, fin nel profondo del cuore, brividi di nostalgia.

Si congedarono e John si avviò, sempre a piedi, verso casa.

Ed ecco che John scende in metropolitana; le solite facce, il solito percorso, le solite scritte sui muri, ma un orario completamente diverso dal consueto, era tardi per lui.

Stette ad aspettare qualche minuto. Arrivò il treno. John salì e si sedette in un posto qualunque. La sua mente pensava alla cena, era quasi ora del resto.

Alla seconda fermata conseguente a quella in cui salì John successe qualcosa. Entrarono, una dopo l’altra, quattro ragazze che, John capì, erano colleghe di lavoro ed erano appena uscite dall’ufficio. L’ultima ragazza delle quattro a salire sulla carrozza fece trasalire John.

Non riusciva più a staccarle gli occhi di dosso, era bellissima.

La ragazza si sedette nel posto di fronte a quello occupato da John. Il treno ripartì.

John la guardava, anzi la ammirava. Era di una bellezza fuori dal comune; aveva inoltre, e questo era il particolare che la faceva ancora più bella, un fascino particolare, un fascino che attraeva, che attraeva in maniera irresistibile.
Era alta, capelli lunghi, scuri, occhi neri, un viso perfetto e stupendo, rossetto rosso scuro alle labbra, labbra magnifiche e sensuali; indossava una maglietta scura che permetteva di definire un corpo da lode; la gonna, corta, di colore nero e con dei fiori disegnati, lasciava scoperte due gambe statuarie, lunghissime e, naturalmente, stupende, perfette.

La ragazza, dopo avere scambiato alcune parole con le amiche, appoggiò la testa al finestrino dietro di lei e socchiuse gli occhi; il viso esprimeva una gioia calma e tranquilla, le labbra formavano un sorriso, le mani raccolte sul grembo.

Il quadro, formato dalla ragazza che John aveva di fronte e da tanti pensieri che gli affollavano la mente, era qualcosa di meraviglioso e suscitava in lui le più svariate emozioni. E il treno proseguiva la corsa.

Egli avrebbe voluto accarezzare quella sua pelle liscia e morbida, a partire dalla fronte, per poi arrivare agli occhi, alle labbra, al collo, alle braccia, alla schiena, alle gambe. E mentre lo pensava si immaginò di farlo veramente, di essere accanto a lei, stesi entrambi su di una spiaggia assolata e deserta.

Era stato un caso; se non fosse stato per quell’idea, che mai prima lo aveva sfiorato, di andare a trovare il suo amico d’infanzia non la avrebbe mai incontrata. Ci sono alcuni fatti e alcune situazioni che si verificano per un insieme di combinazioni veramente molto casuali, con probabilità che accadano veramente infinitesimali. Però possono accadere.

Ed ecco di nuovo che John le metteva le mani nei capelli, glieli sfiorava, glieli portava dietro la nuca e intanto avvicinava il suo viso a quello di lei.

Invece lei era là, bellissima, a più di un metro di distanza da lui, in atteggiamento di rilassamento, con il solito sorriso a fior di labbra che la facevano ancora più bella e affascinante.

Il treno, intanto, impietosamente, procedeva di stazione in stazione e stava per giungere dove John avrebbe dovuto scendere.
John, chiudendo gli occhi, lasciò andare ancora i suoi pensieri. Le sue labbra si avvicinavano sempre di più a quelle di lei, e finalmente si congiunsero. E finalmente i due si abbracciarono. In quel momento a John parve di essersi innamorato della bellissima sconosciuta, di un amore intenso e unico, travolgente.
John riaprì gli occhi, guardò la ragazza e gli sembrò, anche se per una frazione di secondo appena, che anche lei, sebbene ora avesse gli occhi chiusi, stava partecipando al suo sogno, gli sembrò che anche lei stesse provando le sue stesse sensazioni e le emozioni che scaturivano da quei momenti.

Sì. John ne ebbe la certezza in quell’istante. Insieme, nella realtà, lui e quella ragazza potrebbero essere una coppia felice. Molto. Molto di più. John comprese che stava percependo l’affinità spirituale, quella forza trascendente capace di unire nell’intimo due anime simili e di renderle eternamente felici. Ma la realtà potrebbe essere che la ragazza di fronte sia fidanzata o che si fidanzerà con un altro, probabilmente senza avere in comune con lui l’affinità spirituale. John sentiva fortemente che lui e la ragazza di fronte avevano la felicità a portata di mano, ma come potere arrivare a lei? Lei che, forse, stava sentendo e pensando le stesse cose di John.

Il treno si fermò. Era la fermata di John.

John si alzò, le porte si aprirono; egli camminò così verso l’uscita, ma i suoi occhi erano ancora rivolti a lei.

Poi, dopo avere varcato le porte del treno ed essersi incamminato verso le scale che lo avrebbero condotto in superficie a continuare la vita di sempre, si accorse che la ragazza aprì gli occhi e ricambiò il suo sguardo con uno sguardo misto di affetto, malinconia e tenerezza.

Il treno ripartì.

John si fermò e osservò l’ultimo vagone del metrò scomparire nel buio della galleria. Poi si voltò e cominciò ad incamminarsi verso casa.

Quel treno si era portato via i suoi sogni, una vita piena di sentimenti, di carezze, di tenerezze, di amore con una ragazza che non aveva mai visto ………………………………. “che non vedrò più” pensò, mentre una lacrima, solitaria ma pesante riuscì a scendere sul suo volto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookies - By using the site, you accept the use of cookies. More info

Questo sito fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Le informazioni raccolte dai cookie non identificano l’utente, ma contengono dati generali sulle impostazioni del computer, il sistema operativo, l’indirizzo IP e i tempi di navigazione sul sito web, informazioni che servono per statistiche e analisi del sito web al solo scopo di migliorarne la visibilità.
Il presente sito Web, di proprietà di Massimo Pradella, titolare del trattamento ai sensi e per gli effetti del Decreto Legislativo n. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”), utilizza i cookies e tecnologie analoghe. La presente informativa fornisce indicazioni su come sono utilizzati i cookies e su come possono essere controllati dall'utente.
L’utilizzo di questo sito Web comporta l’accettazione, da parte dell’utente, del ricorso ai cookies (e tecnologie analoghe) conformemente alla presente informativa.

COSA SONO I COOKIE Un cookie è una piccola quantità di dati inviati al tuo browser da un server web e che vengono successivamente memorizzati sul disco fisso del tuo computer. Il cookie viene poi riletto e riconosciuto dal sito web che lo ha inviato ogni qualvolta effettui una connessione successiva. Come parte dei servizi personalizzati per i suoi utenti, il mio sito utilizza dei cookie per memorizzare e talvolta tenere traccia di alcuni dati personali forniti dagli utenti stessi.
Ti ricordiamo che il browser è quel software che ti permette di navigare velocemente nella Rete tramite la visualizzazione e il trasferimento delle informazioni sul disco fisso del tuo computer. Se le preferenze del tuo browser sono settate in modo da accettare i cookie, qualsiasi sito web può inviare i suoi cookie al tuo browser, ma – al fine di proteggere la tua privacy – può rilevare solo ed esclusivamente quelli inviati dal sito stesso, e non quelli invece inviati al tuo browser da altri siti.
Esistono due tipi di cookie:
- cookie di prima parte (o proprietari): soggetti e leggibili dal solo dominio, che li ha creati;
- cookie di terze parti: soggetti e creati da domini esterni a quello, che stiamo visitando.
E possono essere:
- di sessione (o temporanei): si eliminano alla chiusura del browser;
- persistenti: restano memorizzati come file, anche dopo la chiusura del browser e si eliminano dopo un certo periodo di tempo prestabilito.
Per maggiori informazioni su cookie visita: http://www.cookiecentral.com.

QUALI SONO I COOKIES UTILIZZATI DA QUESTO SITO E COME BLOCCARLI
La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E’ possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare soltanto alcuni e disabilitarne altri.
Puoi farlo andando nella sezione “Opzioni” o “Preferenze” nel menu del tuo browser in cui è possibile tramite settaggio di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.
Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com oppure www.allaboutcookies.org. Si ricorda che, disabilitando i cookie nel proprio browser, alcune parti di questo e altri siti web potrebbero non essere visualizzati correttamente.

Questo sito fa uso dei seguenti cookie:
• Google Analytics – questo sito utilizza cookie di Google Analytics che vengono usati per ottenere informazioni su come i visitatori usano il mio sito (pagine lette, permanenza sugli articoli, ecc.). Queste informazioni vengono utilizzate per soffermarci e migliorare le pagine visitate maggiormente con il solo scopo di migliorare il sito. Ci aiutano anche a rilevare pagine non funzionanti o con errori di navigazione. I cookie salvano informazioni in forma anonima, incluso il numero di visitatori del sito, da quale sito provengono gli utenti e le pagine da loro visitate e in generale restano sul computer del visitatore fino a quando non vengono eliminati. E’ comunque possibile disattivare le funzioni di Google Analytics di questo sito, anche attraverso le impostazioni degli annunci, le impostazioni degli annunci per app mobili o qualsiasi altro mezzo disponibile (ad esempio, la funzione di disattivazione per i consumatori prevista dalle norme NAI). Per farlo ti invitiamo a scaricare e installare sul tuo computer il componente aggiuntivo del browser per la disattivazione di Google Analytics che puoi trovare a questa pagina https://tools.google.com/dlpage/gaoptout/?hl=it.

GUIDE PER LE IMPOSTAZIONI DEI COOKIES RELATIVI AI PRINCIPALI MOTORI DI RICERCA
Internet Explorer: http://support.microsoft.com/kb/278835
Internet Explore [versione mobile]: http://www.windowsphone.com/en-us/how-to/wp7/web/changing-privacy-and-other-browser-settings
Chrome: http://support.google.com/chrome/bin/answer.py?hl=en-GB&answer=95647
Safari: http://docs.info.apple.com/article.html?path=Safari/5.0/en/9277.html
Safari [versione mobile]: http://support.apple.com/kb/HT1677
Firefox: http://support.mozilla.org/en-US/kb/Enabling%20and%20disabling%20cookies
Blackberries: http://docs.blackberry.com/en/smartphone_users/deliverables/32004/Turn_off_cookies_in_tjsp
Android: http://support.google.com/mobile/bin/answer.py?hl=en&answer=169022
Opera: http://www.opera.com/browser/tutorials/security/privacy/

Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookies o cliccando su "Accept" permetti il loro utilizzo.

Close